Yunnan: viaggio nella Cina più vera

Consigli e suggestioni per scoprire cosa vedere nella Provincia più bella della Repubblica Cinese, fra etnie locali, luoghi d’interesse e antiche città.

Millenni di tradizioni e incredibili monumenti da visitare: quando si sta pianificando un viaggio in Cina c’è davvero l’imbarazzo della scelta! Di solito si è portati a pensare subito a un tour nelle grandi e moderne città della Repubblica Cinese, come Pechino, Shanghai e Hong Kong. Comunque, chi conosce davvero il fascino dell’Oriente, non può che consigliarti la provincia più intrigante e particolare della Cina, lo Yunnan.

Yunnan Dali Cina
L’antica città di Dali, nello Yunnan, in una mattina d’inverno.

Situata nell’estremo Sud-Ovest della Repubblica Cinese, ai piedi delle montagne tibetane, lo Yunnan ha per secoli sviluppato una sua cultura indipendente, interessante e che rimane distinta da quella del resto del paese. E proprio per la sua posizione considerata “remota”, al confine con Vietnam, Laos e Myanmar, lo Yunnan è una destinazione ancora non massicciamente turistica.

Essendo perfetto per ogni tipo di turismo, dallo zaino in spalla a quello più organizzato, i viaggiatori che riescono ad arrivare nello Yunnan sono ricompensati con la Provincia più stupefacente di tutta la Cina!

Noi di Fluidblog abbiamo selezionato cinque ottimi motivi perché, se pensi di visitare la Cina, nel tuo itinerario non dovrebbe assolutamente mancare lo Yunnan!

Yunnan terrazzamenti riso viaggio
Gli incredibili terrazzamenti per la coltivazione del riso vicino a Kunming, nello Yunnan.

I MERAVIGLIOSI PAESAGGI DELLO YUNNAN

“Unici”, questo è l’unico aggettivo che ti verrà in mente per descrivere gli incredibili panorami di questa regione. Le spettacolari conformazioni naturali, come canyon, valli, cascate e molto altro, rendono estremamente variegato questa parte di Himalaya.

Yunnan Foresta Pietra
L’incredibile Foresta di Pietra di Kunming, nello Yunnan.

Probabilmente il più famoso e particolare dei panorami dello Yunnan è la Foresta di Pietra. Una spettacolare formazione di pilastri di pietra, che si trova poco lontano dalla città di Kunming, la capitale della Provincia.

Questi stupefacente serie di pinnacoli di origine carsica, intricata ed estesa, sembra davvero formare una selva da esplorare alla ricerca di figure ancor più particolari: nei pilastri di roccia ti potrebbe capitare di intravvedere animali, piante e perfino figure umane, scolpite dalla mano della natura.

Panorama Yunnan Campi
I Campi Rossi dello Yunnan.

Di una bellezza davvero unica sono anche i Campi Rossi di Kunming. Non è un caso che siano stati definiti “la tavolozza di Dio”: i terrazzamenti di Dongchuan della contea di Huashitou si estendono per 50 chilometri, avvinghiati alle pendici delle montagne Ai Lao. I campi coperti di fiori, da maggio a giugno, assumono diversi colori, al verde al giallo al rosso scarlatto, mentre in autunno si tingono di tonalità diverse in base al raccolto coltivato.

Risalendo le pendici dell’Himalaya i panorami si fanno ancora più interessanti. Poco distante dalla città di Lijiang si trova una delle vette più affascinanti della Cina, il Monte innevato del Drago di Giada, o Jade Snow Dragon Mountain. Alto oltre 5500 metri, si vanta di essere il ghiacciaio più a Sud dell’emisfero settentrionale ed è collegato a Lijiang tramite una moderna funivia.

Yunnan Gola Salto Tigre
Uno dei punti più stretti della Gola del Salto della Tigre.

Il versante più a Nord del Monte innevato del Drago di Giada forma il fianco della splendida Gola del Salto della Tigre. Si tratta di un canyon profondo fino a 3000 metri, scavato dall’impetuoso Fiume Azzurro. Una leggenda locale narra che una tigre, inseguita da un cacciatore, sia riuscita a saltare nel punto più “stretto” della gola, che comunque è largo oltre 25 metri, donando così il nome a questa vallata.
In alcuni punti il versante diventa meno scosceso e qui sono stati costruiti terrazzamenti e piccoli villaggi. La Gola del Salto della Tigre offre incredibili percorsi di trekking che permettono di ammirare alcuni dei panorami più incredibili di questa remota zona della Cina.

Il Monte Drago di Giada, Yunnan
La cima del Monte nevoso del Drago di Giada, nello Yunnan.

LE ETNIE DELLO YUNNAN

Yunnan Minoranze etnie
La modernità è arrivata anche presso il Popolo Miao.

 

La maggior parte della Cina è abitata dal gruppo etnico degli Han, discendenti di quel popolo che formò il Celeste Impero oltre 5000 anni fa. Ma lo Yunnan, remoto e periferico rispetto al cuore della Cina, fu raggiunto dalla cultura mandarina solo nel recente passato. Per innumerevoli generazioni le valli himalayane furono abitate da etnie differenti, ognuna con le proprie caratteristiche e tradizioni. Non c’è quindi da stupirsi se molte delle 56 minoranze riconosciute dalla Repubblica Cinese abiti qui. Per questo lo Yunnan è un variopinto miscuglio pandemonico di costumi tipici, musica tradizionale e cucina locale.

Naxi Yunnan Lijiang musica
Una festa del popolo Naxi a Lijiang.

La più nutrita minoranza etnica dello Yunnan è quella dei Naxi o Nakhi. Discendenti da una tribù che si stanziò tra queste montagne e la regione vicina del Sichuan oltre duemila anni fa, i Naxi forse non sono fra le più estrose minoranze in fatto di costumi, ma sono conosciuti per la loro musica e per i loro festival. Bellissime e curiose sono le esibizioni della Baisha Xiyue, la musica tradizionale Naxi, realizzate da orchestre di suonatori di flauto, piffero, liuto cinese e zither.

Yunnan Cina Miao
Una donna dell’etnia Miao con il costume tipico.

I teatri della città di Lijiang permettono di ammirare le performance delle orchestre tradizionali, ma il momento migliore per incontrare la cultura Naxi è il Sanduo Festival, che si svolge a marzo. Durante questa coloratissima cerimonia i Naxi onorano il loro progenitore, Sanduo -che sconfisse il demonio e liberò lo Yunnan- con divertentissimi e affascinanti balli di gruppo. I Naxi sono anche famosi per essere l’ultimo popolo sulla terra ad usare un arcaico e misterioso sistema di scrittura che si basa su dei pittogrammi.

Yunnan costumi tipici etnia bai
Una festa a cui partecipano delle ragazze del popolo Bai a Dali.

Molto più estrosi sono i popoli Bai e Miao. Queste minoranze abitano a Dali e nei pressi del grande Lago Erhai. I Miao, soprattutto, sono famosi per i loro costumi sgargianti e per i copricapo elaborati, realizzati in argento, perline e nastrini variopinti. Per questa etnia l’abbigliamento è importante più di ogni altra cosa e un determinato vestiario può dire molto su chi si ha davanti. Invece la base del costume Bai è un vestito di seta bianchissimo, a cui si associano grembiuli dei colori più disparati, su cui campeggiano ricami floreali, il più comune dei quali è il disegno di una camelia.

LE INCREDIBILI CITTA’ ANTICHE DELLO YUNNAN

Yunnan viaggio Cina
Le pittoresche vie del centro di Dali.

Crocevia tra le antiche civiltà di Cina, Vietnam e Birmania, lo Yunnan è oggi un gioiello non solo dal punto di vista naturalistico. Nei suoi oltre 5000 anni di storia sono innumerevoli i monumenti sorti nelle tre città principali della regione: Kunming, la capitale, Dali e Lijiang.

Yunnan Kunming
La magnifica vista dall’alto delle Western Hills di Kunming.

Kunming, nonostante il caotico e moderno centro cittadino fitto di grattacieli, conserva alcuni luoghi interessanti da visitare assolutamente.
Raccolta attorno al Dian Lake, Kunming ha il suo monumento più famoso proprio a ridosso di questo lago: una serie di templi, i Taihua Temple, sorgono sulle West Hills, costruiti oltre 500 anni fa tra il periodo delle dinastie Ming e Qing. Turisti e locali sono soliti risalire le infinite scalinate che collegano gli oltre venti padiglioni che costituiscono questo complesso. Il punto più interessante, dal quale si gode un panorama incredibile su tutta Kunming, sono le Dragon Gates, una porta monumentale adagiata su una falesia rocciosa che domina il Dian Lake.

Dali Yunnan Pagoda
L’antica città di Dali, nello Yunnan, in una mattina d’inverno.

Estremamente più interessante è la città di Dali, anch’essa sorta attorno ad un lago, l’Erhai Lake. Molto più tradizionale rispetto a Kunming, una grande parte del centro urbano mantiene ancora la sua struttura antica, fatta di case di legno, strette stradine fangose e mercatini tipici. Insomma, la Cina più autentica, quella che sembra rimasta al suo grandioso passato. Perla della città di Dali è il grandioso complesso delle Tre Pagode. Queste tre iconiche torri, che si stagliano contro il profilo delle montagne Changshan, sono alte oltre 40 metri e furono costruite tra IX e X secolo.

Yunnan Lijiang canali
L’antica città di Dali, nello Yunnan, in una mattina d’inverno.

La più affascinante delle città dello Yunnan è però sicuramente Lijiang. Per il numero di edifici antichi e monumenti è spesso considerata “la rivale della città” proibita. La città è organizzata attorno ad una serie di canali che solcano, assieme alle strade pavimentate, il centro –sito Patrimonio dell’Unesco– e sul quale si affacciano innumerevoli ristoranti e sale da te. Punto più interessante, da cui partono tutti i tour della città, è il Lago del Drago Nero, uno stagno artificiale attorno al quale sono stati costruiti, in diversi stili e diverse epoche, splendidi padiglioni e templi.

IL MAGNIFICO LAGO ERHAI

Lago Erhai Yunnan
Il placido e idilliaco Lago Erhai, la perla dello Yunnan.

Tra Dali e Lijiang si estende la perla dello Yunnan: il lago Erhai. Uno specchio d’acqua cristallino, incuneato in una larga valle delle montagne Cangshan, un ambiente naturale ancora decisamente preservatosi.

Lago Erhai Yunnan
L’antica città di Dali, nello Yunnan, in una mattina d’inverno.

L’Erhai è un po’ il simbolo dello Yunnan, perché coniuga le due anime della Provincia, quella della sua natura meravigliosa e quella della sua incredibile e antichissima storia. Il lago è la meta preferita di quei turisti che, zaino in spalla, vogliono intraprendere una vacanza più attiva: partendo da Dali attorno alle sue coste si sviluppano una serie di percorsi di trekking e di mountain bike che permettono di tuffarsi negli ambienti fatati dello Yunnan, fra cascate, foreste e colline da scalare.

Una delle attrazioni più popolari legate all’Erhai è solcarne le acque in barca, guidati dai pescatori locali, per esplorarne le coste e i canneti che le coprono, habitat di uccelli acquatici come pellicani e cormorani.

Pesca cormorani lago erhai yunnan
Pesca con il cormorano sul Lago Erhai.

Proprio attorno a questi volatili si è sviluppato il più incredibile sistema di pesca del mondo: la pesca con il cormorano! I pescatori dell’etnia Bai che vivono sulle sponde del lago da generazioni addestrano questi volatili a catturare i pesci del lago e a riportarli alle loro barche. Questo tipo di collaborazione, che va avanti da centinaia di anni, è sicuramente una delle attività più incredibili in cui possa capitare di imbattersi.

Yunnai isola Erhai lago Jinsuo
La pittoresca isola di Jinsuo sul Lago Erhai.

Dopo aver abbandonato i pescatori e i loro pennuti aiutanti, ogni tour del lago Erhai si ferma –e a ragione– sulla piccola Jinsuo Island, uno scoglio roccioso che affiora dalle acque e sul quale è stato costruito uno straordinario tempio-pagoda. Jinsuo in cinese significa “barca d’oro”, ed effettivamente, per via delle sue minute dimensioni, l’isola pare più una barchetta al centro del lago Erhai. Sul punto più alto della roccia nell’antichità è stato costruito un tempio dedicato alla religione tradizionale della minoranza Bai, il Benzhuismo. Di continuo i membri di questa etnia si accalcano su quest’isoletta per officiare i loro peculiari e antichissimi riti in armonia con lo splendido lago Erhai.

L’ORIZZONTE PERDUTO

Zhongdian Yunnan Shangri-La
Lo spettacolare monastero tibetano di Shangri-La si cela nelle valli dello Yunnan.

Quando sul finire degli anni ’30 il romanzo The Lost Horizon di John Hilton divenne un successo, molti iniziarono a chiedersi cosa avesse ispirato nell’autore la meravigliosa città di Shangri-La, una comunità pacifica e idilliaca, al limite della perfezione, racchiusa intorno ad un monastero lama alle pendici dell’Himalaya.

Zhongdian Shangri-La Yunnan
Il monastero tibetano di Shangri-La.

Fra le più probabili risposte c’è sicuramente il paese di  Zhongdian, un villaggio posto in una delle valli più remote dello Yunnan, ai piedi delle meravigliose montagne dell’Himalaya. Zhongdian è stata ribattezzata dal Governo Cinese proprio Shangri-La, ed effettivamente le similitudini con l’Orizzonte Perduto di Hilton sono moltissime.

Al centro del villaggio, su una collinetta naturale, troneggia un immenso e magnifico monastero buddista, il Ganden Sumtsenling Monastery, detto anche Songzanlin. Costruito alla fine del XVII secolo dal quinto Dalai Lama, il Songzanlin è il secondo centro religioso buddista più importante del mondo dopo il Palazzo del Potala a Lhasa.

Shangri-La ruota preghiera yunnan
La gigantesca ruota da preghiera di Shangri-La.

Una ripida scalinata che sale fra le casette di legno del villaggio permette di raggiungere alle strutture del monastero. Il complesso centrale è abbellito da una lunga serie di statue dorate che rappresentano Buddha e le divinità del panteon buddista, oltre a dei cicli di affreschi che illustrano le principali storie legate alla vita di Siddharta.

Il Songzanlin è inoltre famoso per l’incredibile ruota da preghiera gigante che sorge all’entrata del monastero. Le ruote tibetane, dette anche Chokhor, contengono delle strisce di carta con scritto sopra il mantra di una preghiera. Ogni giro delle Chokhor corrisponde alla recitazione di una preghiera e permette di accumulare “meriti” per la vita futura. Quella presente a Songzanlin è alta oltre 4 metri e farla girare è una vera impresa!

Yunnan Lijinag
I tetti dell’antica città di Lijiang, Yunnan.

Insomma, lo Yunnan è sicuramente una meta da prendere in considerazione quando si pianifica un viaggio in Oriente. Il suo panorama peculiare e i suoi monumenti lasciano a bocca aperta ogni tipo di turista. Benché sia una regione dalle mille particolarità, lo Yunnan è sicuramente il volto più intatto della vera Cina.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...