Cile, dalla Patagonia all’Atacama in moto

Costeggiando le Ande e l’Oceano Pacifico, fra ghiacciai e deserti, da Sud a Nord si può vivere qualcosa più di un viaggio: un’avventura sulle orme dell’Ernesto Che Guevara dei Notas de viaje Latinoamericana, i celebri Diari della motocicletta, tutto da fare in due ruote, per cogliere appieno l’anima del Cile.

Atacama_deserto
Il deserto de Atacama. Lama e Alpaca possono essere validi sostitutivi in caso di assenza o rottura di motociclette

Alzi la mano chi, pensando alla letteratura di viaggio, non si sia immaginato, almeno una volta, di essere lui ad accompagnare il biochimico argentino Alberto Granado in sella alla mitica Norton Model 18 La Poderosa II, al posto di Ernesto Che Guevara, nel loro leggendario viaggio attraverso il Sud America, trascritto poi nel diario Latinoamericana. Io stesso, come molti appassionati di due ruote, mi sono immaginato alla guida di quella incredibile motocicletta, magari con maggiore fortuna rispetto al duo Granado-Guevara, che dovettero abbandonare La Poderosa sulle Ande. Per questo, in attesa di poter partire, mi son trovato a buttar giù degli appunti sulla mia prossima destinazione a due ruote: il Cile

Un paese incredibile, lungo oltre sei mila chilometri, tutto da scoprire. Un viaggio qui significa passare dagli immensi ghiacciai della Zona Sur, la Patagonia andina cilena, al deserto dell’Atacama –il più arido del mondo. E una serie di strade, che punta dritto verso Nord, il luogo ideale da scoprire in moto.

Osorno_cile
Il Vòlcan Osorno

OSORNO

Puerto Varas
La pittoresca Puerto Varas

Osorno è una città dalle medie dimensioni e funge da perfetta “porta d’ingresso” per la Patagonia. Ha un comodo aeroporto e offre gli ultimi piaceri della vita civile prima di mettersi in moto. Da qui parte una delle strade più interessanti della Zona Sur, quella che si dirige verso il lago Llanquihue, passando per il piccolo paese tedesco di Puerto Varas. Questo pittoresco borgo venne fondato nel 1853 attorno allo specchio d’acqua ed è chiamato, per via della sua deliziosa architettura in stile sassone, “la città delle rose”.

LAGO TODOS LOS SANTOS

Lago_todos_Santos
Il lago Todos los Santos

I panorami si fanno assolutamente più grandi e spettacolari quando ci si lascia alle spalle il profilo innevato del Vòlcan Osorno e ci si addentra, un po’ sull’asfalto, a volte sullo sterrato, all’interno del Parco Nacional Puyehue, fra Cile e Argentina. Qui si può respirare un po’ di vera aria di Patagonia, con panorami incredibili fatti di rade foreste, praterie spazzate dal vento, Ande innevate e laghi, il più bello dei quali è sicuramente il Todos Los Santos. Un paesaggio da godersi in sella.

FRA LE VALLI DEL VINO

Vino_Cile_Moto
La Valle Maipo

Scendendo dalle alture delle Ande e dirigendosi a Nord verso Santiago si attraversa una delle aree più belle del Cile, le Valli del Vino, una serie di conche verdeggianti tagliate da fiumi impetuosi. La strada si fa più facile ma di certo non meno interessante, con paesaggi quasi “mediterranei” per via della presenza delle tanti filari di vite che producono i famosi Cabernet, Pinot, Syrah o Chardonnay del Cile. La Valle di Casablanca e quella di Maipo sono le più famose e le più scenografiche, oltre che le migliori per un assaggio. Una sosta per una degustazione è d’obbligo, ma occhio a non alzare troppo il tasso alcolemico!

LOS CARACOLES

Cile_caracoles
Gli spettacolari tornanti Los Caracoles

Il Cile può vantare una delle strade più famose e ambite fra i riders. Si tratta de Los Caracoles del Paso de los Libertadores, un valico andino che porta direttamente in Argentina. Solo a guardare le foto suscita brivido e spettacolo. Si tratta di un dislivello di oltre 1000 metri, con una serie impressionante di tornanti da affrontare tutti in piega, a velocità di lumaca (Caracoles significa proprio chiocciola). Fortunatamente le autorità mantengono bene l’asfalto, altrimenti si tratterebbe di una prova impossibile. Punto di arrivo sono i 3200 metri del Cristo Redentor. Per chi vuole fare una capatina in Argentina, a poca distanza si trova il leggendario Puente del Inca, una delle conformazioni rocciose più particolari della zona di Mendoza.

NORTE CHICO

Ruta_panamericana
La Ruta 5 Panamericana

Si ritorna in Cile e si va ancora più a Nord. Il paesaggio si fa via via più secco e il clima più asciutto mentre si attraversano le spettacolari lande del Norte Chico, ovvero il Piccolo Settentrione. Tra Valparaiso e Antofagasta si imbocca il primo (o ultimo) tratto della mitica Pan American Higway o Ruta 5 Panamericana, un’autostrada di 45 mila chilometri che collega l’Alaska con la Terra del Fuoco. Con il mare a sinistra e le terre sempre più aride a destra si avanza verso l’Atacama.

SAN PEDRO DE ATACAMA

Tulor_Atacama
Le rovine di Tulor

La fine del percorso, la fine del viaggio e anche la fine della civiltà. Il deserto più arido del mondo, l’Atacama, è anche uno dei più interessanti da esplorare. Non sempre le strade sono asfaltate, e bisogna fare attenzione a chilometri e serbatoio, ma ne vale veramente la pena. Luoghi mitici come il Salar de Atacama e la Valle della Luna valgono la polvere che si deve mangiare. Vicino a San Pedro poi si trovano le interessantissime e misteriose rovine di Tulor, un antichissimo villaggio costruito oltre 2000 anni fa di cui rimangono strane e ancora inspiegate costruzioni a forma circolare. Più vicino ad Antofagasta e proprio nelle vicinanze della Ruta Panamericana si trova la particolare scultura dell’artista cileno Mario Irarrázabal, la Mano del Desierto.

Mano_Deserto_Cile
La Mano del Desierto

Insomma, con 2500 chilometri da fare in moto si può scoprire alcune delle zone più affascinanti del mondo, e godersi strade che esaltano gli appassionati delle due ruote. Un viaggio assolutamente da mettere in calendario, cari riders!

Ecco qui una piccola sintesi dell’itinerario: https://www.fluidtravel.it/journey/5784e781b854f963413a0d0c/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...