Polinesia, le migliori immersioni delle Isole della Società

Bora Bora, Tahiti, Moorea, Raiatea e Huahine: mete per una vacanza da sogno, ma anche luoghi ideali per un viaggio incentrato sulla subacquea.

Solo a nominare luoghi incredibili come Bora Bora o Raiatea siamo portati ad immaginarci spiagge mozzafiato, camere con tutti i comfort e romantiche passeggiatine sul bagnasciuga. Insomma, si pensa ad una vacanza rilassante. Ma questo non è affatto il mio stile, e in questo articolo andrò ad esplorare il lato più avventuroso della Polinesia. Perché l’arcipelago delle Isole della Società è una delle mete preferite fra i subacquei, un vero e proprio paradiso delle immersioni! Ognuno degli atolli delle Isole del Vento e Sottovento ha le sue caratteristiche, che si riflettono sia sopra che sotto il mare.

shutterstock_56456779
Una veduta di Bora Bora e del Monte Otemanu

MAGNIFICA COME BORA BORA.

Manta_Bora_Bora
Una manta a Bora Bora

Se esiste un luogo che si avvicina anche solo leggermente al Paradiso Terrestre, questa è sicuramente l’isola di Bora Bora. La più famosa delle Sottovento appare con una laguna naturale che la circonda, divisa dal mare aperto da una sottile linea di sabbia, conosciuta come Motu. All’interno di questo atollo l’acqua ha colori stupendi, grazie soprattutto alla sabbia corallina che ne forma il fondale. Uno spettacolo celestiale, ma anche il luogo perfetto per immergersi: i bordi dei Motu sono coperti da magnifici coralli e popolati da Squaletti Pinna Nera; davanti ad Anau inoltre c’è una famosa stazione di pulizia, dove da Marzo a Novembre è facile incontrare le grandi Mante Birostris.

MAGICA RAIATEA

Raiatea_Polinesia
Veduta di Raiatea

La cultura polinesiana Ma’ohi che si è poi diretta alle Hawaii o in Nuova Zelanda ha avuto origine a Raiatea e basterebbero i suoi imponenti marae a giustificare la visita su quest’isola. Ma Raiatea ha anche un reef colorato e vivace, tutto da scoprire in immersione. Teavapiti Pass è un’immersione in corrente dove si possono ammirare grandissimi banchi di pesce, mentre diverte da esplorare è il relitto della nave a tre alberi danese Nordby, affondato nel 1900 proprio nella laguna di Raiatea.

IMMACOLATA TAHA’A

Aquila_Mare_Polinesia
Un’aquila di mare a Taha’a

A poca distanza da Raiatea e all’interno della sua stessa laguna c’è la deliziosa isola di Taha’a, famosa per la sua profumatissima vaniglia. Proprio come la sua selvaggia superficie, la barriera corallina dell’isola è davvero immacolata, con tantissimi banchi di pesce pelagico attratto dalle forti correnti. Sul reef o nei canali che collegano la laguna e il mare aperto –come a Pai Pai Pass– si incontrano squali Pinna Nera e Pinna Bianca, aquile di mare, tonni e Pesci Napoleone.

SPLENDIDA COME HUAHINE

Squali_Polinesia_Nera
Uno squalo pinna nera

Non meno bella delle sue sorelle Sottovento, l’atollo di Huahine ha un fondamentale pregio: la tranquillità. È meno famoso di Bora Bora o Raiatea e per questo meno battuto dai turisti. I suoi fondali sono altrettanto meno conosciuti e più intatti delle altre isole della Polinesia. Lo si può scoprire a Fa’a Miti, un punto d’immersione adatto a tutti vista la poca profondità e le basse correnti. Grossi Squali Pinna Nera si aggirano nel reef, seguiti da Pesci Napoleone e murene. Uno spettacolo davvero incredibile!

AVVENTUROSA MOOREA

Squali_Polinesia
Una coppia di squali grigi

Il suo nome in polinesiano vuol dire “Ramarro giallo”, ma i primi visitatori Ma’ohi avrebbero fatto meglio a chiamarla “Isola degli squali”, perché incontrare questi pesci meravigliosi è facile nelle acque dentro e fuori la barriera corallina. A Nord, presso il famoso reef Tiki c’è la casa degli Squali grigi, che vivono qui in un grosso branco; mentre sul versante Est della barriera corallina si trova il punto d’immersione Vaiare Right dove, oltre a sporadici incontri con barracuda e mante, si trovano tantissimi Squali Pinna Bianca che si riparano nelle grotte della parete.

INSOSPETTABILE TAHITI

Squalo_Limone
Un squalo limone, riconoscibile per il profilo allungato

Non ha la fama di essere un’isola adatta alla subacquea, ma la più grande dell’Arcipelago della Società presenta alcuni punti d’immersione molto interessanti. Nemmeno troppo distante da Papeete si trova la White Valley. Qui, proprio per via delle forti correnti che filtrano dall’oceano all’interno della Laguna si trova moltissima vita sottomarina: grossi banchi di carangidi, barracuda, tartarughe e aquile di mare sono un incontro frequente, mentre meno usuale ma non proprio raro è l’avvistamento dello Squalo Limone, vera rarità degli oceani.

Raiatea_Tahaa

Mi sembra chiaro che, proprio per le caratteristiche che le rendono uniche, le isole dell’Arcipelago della Società siano un luogo perfetto per immergersi e una meta che non dovrebbe mai mancare nei calendari dei veri subacquei!

 

 


2 thoughts on “Polinesia, le migliori immersioni delle Isole della Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...