Il vino del Signore degli Anelli

La Nuova Zelanda, dalla Terra di Mordor a Hobbiton, passando per i suoi bellissimi vigneti.

 

Anche tu sei impazzito di fronte al Signore degli Anelli chiedendoti dove mai potesse essere stato girato. Ti sei perso in quelle inquadrature ricche di contrasti e sfumature, dalla terra incantata degli Hobbit ai paesaggi aridi ed estremi della terra di Mordor.

NUOVA ZELANDA SIGNORE DEGLI ANELLI HOBBIT VINO 2

Oggi partiamo alla volta dell’angolo di mondo in cui Peter Jackson ha girato il suo grande capolavoro con un solo grande desiderio: farci guidare, come sempre, dal gusto. E, trattandosi di Nuova Zelanda, il mio primo pensiero non può non andare al mondo del vino. Viti e filari sono infatti capaci di rendere il paesaggio ancora più vario, diverso, un quadro, ma vero, tridimensionale e profumato come la realtà. Ecco quindi che dalla brulla e temeraria aridità del Tongariro e dalle casette basse degli Hobbit tutto cambia, i fumi del gigante vulcanico cedono il posto a armoniosi e ordinati filari di vite, mentre le porticine rotonde spariscono e diventano un’immagine evocata solo dalle grandi botti in cui il vino riposa quieto e saporoso.

NUOVA ZELANDA SIGNORE DEGLI ANELLI VINO 2

Entrare in vigna sarà un’esperienza unica. Ovunque nel mondo si abbia l’opportunità di passeggiare in questi veri e propri giardini viventi, l’emozione che si prova è grandissima.

Quello che da lontano sembra una natura statica, d’improvviso si anima, la vita pulsa da ogni foglia, da ogni grappolo, da ogni acino. E non è solo quella della pianta la vita che ti sconvolge, ma quella delle mani che, sapienti, l’hanno resa così. Ascoltare e comprendere quanta cura e quanto amore si nascondano dietro a quella apparente naturalezza è come ricevere il dono di ammirare l’artista che dipinge il suo quadro o lo scultore che rende vivo il marmo. Un mondo fatto di accortezze, tecnica e intuizione, in cui la sensibilità del viticoltore si cela materna dietro alla posizione di una foglia rispetto a un acino cambiando tutto e dandole ad esempio quell’ombra che la protegge dalla troppa calura.

NUOVA ZELANDA SIGNORE DEGLI ANELLI VINO 4

Dei tanti modi con cui si può vivere il vino in questa bellissima terra, il New Zealand Wine Trail è un’altra fra le esperienze più interessanti. Chilometri di strade neozelandesi da snocciolare e svolgere come la pellicola di un film in un’avventura alla scoperta delle due isole, del Nord e del Sud, e di tutte le loro perle. Da Napier, con i suoi palazzi in stile liberty e quell’atmosfera art déco che rende unica la città, fino Blenheim, porta di accesso all’Isola del Sud, patria di una delle zone vitivinicole più famose di tutta la nazione, in particolare per i suoi Sauvignon.

Se temi che il rischio sia quello di una certa monotonia, sappi che non hai nulla di cui preoccuparti. Non solo per la varietà di paesaggi che caratterizzano queste terre ma anche per l’infinità di emozioni e sensazioni che la vite saprà regalarti. Perché il bello di questo mondo è che non è solo un luogo a farne la bellezza, ma tanti.

NUOVA ZELANDA SIGNORE DEGLI ANELLI VINO 5Dopo la fantastica esperienza della vigna, l’ingresso in cantina sarà ancor più emozionante. Varcata la soglia sarai sopraffatto dal profumo del mosto, mescolato a quello del legno bagnato dal vino, sentirai altri profumi e ti renderai conto che dire vino è troppo semplice per restituire quello che si nasconde dietro a un calice. Scoprirai che la botte stessa può non essere una soltanto, che sono tanti i passaggi e le accortezze che rendono possibile l’ottenimento del prodotto finale, domande, interrogativi, scoprirai termini nuovi e modi diversi di pensare il tempo: in base al vino, al ciclo della vite, al periodo della vendemmia e poi a quello dell’invecchiamento. Qui non è l’orologio a dettare il ritmo della vita, ma il vino. 

Quando sentirai il gorgoglio di questo nettare prezioso, che riempirà il tuo calice di tutti suoi profumi, comprenderai quale sia la sua magia più grande.

NUOVA ZELANDA VINO.jpg

Il vino non restituisce solo un frutto, ma tutta la terra in cui quel frutto è cresciuto. E così, nel tuo calice, troverai scatti e fotogrammi di questa incredibile Nuova Zelanda, che dalla cruenta Mordor alla bellezza delle vigne di Marlborough, racchiude in sé mondi interi… come il Signore degli Anelli!

 


2 thoughts on “Il vino del Signore degli Anelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...